lunedì 22 aprile 2013

Schiacciata all'olio

Post importantissimo...
con questa schiacciata Lunatenera partecipa al contest di Mani in pasta: la focaccia e, se questo non bastasse,.... in grande anteprima... inauguriamo la nuova sezione di "FilmRicette"!
Ogni volta che scrivo un post cerco di trovare parole nuove per poter descrivere come impastare, come coccolare, tirare e plasmare gli impasti di pasta madre. Per tutte le ricette che mi passano per la mente, cerco di realizzare le foto più belle, trasformare un dettaglio in uno scatto interessante, trovare le parole più appropriate, descrivere attentamente ogni passaggio ed ho pensato che dei filmati potessero essere un altro buon modo per raccontare i miei esperimenti! Sono filmati brevi, essenziali, ma completi e realizzati con grande passione.
Ed ecco che Lunatenera da oggi ha una nuova sezione di Film Ricette... ovviamente ho voluto dare a questo nuovo "luogo" del blog un nome importante, visto che conterrà dei video realizzati con grande cura e per questo devo ringraziare chi li ha realizzati per la sua infinita disponibilità e le sue meravigliose doti! 
Grazie.... sono così fiera di questi lavori fatti insieme! wow....
Ma passiamo alla protagonista della Filmricetta:
la schiacciata, schiaccia, stiaccia, focaccia o ciaccia che dir si voglia, è preparata con ingredienti semplici, impastata con le mani e non con attrezzi meccanici e se vogliamo essere dei puristi è realizzata con la pasta madre e arricchita obbligatoriamente con abbondante "olio bono": quello verdissimo, saporito e aspro, ancora meglio se nuovo e toscano!
la ricetta? 
per creare un impasto di 600/700 gr adatto ad una teglia classica da forno:
250 ml di acqua tiepida
125 ml di latte
500 gr di farina 
sale qb
1 cucchiaio di sale grosso 
ed osservate:

Qualche consiglio in più: impastate i vari ingredienti e dopo la lievitazione schiacciate l'impasto sulla teglia unta. Stendete l'imapasto senza lavorarlo troppo e fate i tipici fori con le dita delle mani.
Abbondate con il sale grosso e se avete un forno elettrico versate un bicchiere di acqua sopra l'impasto prima di infornarlo per non far diventare troppo croccante la parte superiore della schiaccia. Inoltre, abbondate di olio d'oliva nel condire a cottura ultimata. Mangiate la schiacciata calda.... non fate avanzare niente, il giorno dopo avrà perso la sua fragranza perfetta e sarà troppo dura.
Potete mangiarla a merenda (al mattino o nel pomeriggio), per pranzo al posto del pane o in qualsiasi altra occasione. Si può usare per fare scarpetta, mangiarla semplice o ripiena!
La schiacciata fatta con impasti semplici sicuramente è sempre esistita nelle tavole toscane, molto simile al pane, con un impasto quasi uguale veniva mangiata dai romani accompagnata da un bel calice di vino.
La schiacciata è una particolarità della cucina toscana, fiorentina in particolar modo, ma subito dobbiamo domandarci: è nata prima la focaccia genovese o la schiacciata all'olio toscana? E' stata la cucina toscana che ha adattato la focaccia o i liguri hanno rivisto e si sono appropriati dell'idea orinale... Non ho prove a riguardo e non riuscirò a rispondere a tali enigmi, ma soprattutto non saprei dire quale delle due è più buona, pertanto continuerò ad assaggiarle entrambe in ogni forno che incontro sulla mia strada, in ogni occasione. 
Nella nostra regione, sicuramente, dove la cucina ha tradizioni popolari e contadine come ho accennato con tante altre ricette (ribollite, polpette di pane, ...) la schiacciata veniva preparata in abbondanza il giorno della cottura del pane e si usava infornarla prima delle forme di pane . La schiacciata, infatti, cuoce ad una temperatura più bassa del pane e mentre il forno si scaldava la schiacciata poteva cuocersi, osservando la cottura della schiacciata si teneva sotto controllo il calore del forno e al momento opportuno si poteva infornare i filoni, la schiacciata faceva pertanto da "sentinella".


4 commenti:

  1. Mamma mia che golosità!!! Sei bravissima e l'idea delle video ricette è favolosa. Grazie!!!
    A presto...Iaia.

    RispondiElimina
  2. Bellissimo e soprattutto originale con la ripresa solo sugli ingredienti!

    RispondiElimina
  3. Ciao, sono Monia di Bologna e anche io ho una grande passione per gli impasti e la pasta madre in particolare, tanto che anche io la spaccio! Bel blog e belle ed autentiche ricette, tanti complimenti! A presto, Monia.

    RispondiElimina